20 settembre 2016

Innovazione

“Quando pensiamo alle minacce per l’ambiente visualizziamo automobili e ciminiere, non ciò che mangeremo per cena. Ma il nostro bisogno di cibo è un grave pericolo per il pianeta”

ApuliaKundi persegue obiettivi di innovazione sostenibile del sistema produttivo per ottenere un alimento di alta qualità con un processo sostenibile dal punto di vista ambientale ed efficiente in termini energetici. Oggi la sostenibilità è la chiave dell’innovazione intesa come valorizzazione di un antico sapere, di esperienze e dei risultati della ricerca scientifica. È proprio attraverso tale processo che è nata la prima produzione di Spirulina “Made in Puglia”. ApuliaKundi attraverso la scelta della produzione di Spirulina intende coniugare la salvaguardia delle risorse biologiche ed ambientali con uno sviluppo immagine economico sostenibile, rivolto al futuro, a vantaggio anche delle nuove generazioni; per questo il team di ApuliaKundi è in costante ricerca di equilibro tra la scelta dell’utilizzo delle risorse naturali.

L’algacoltura, oggi, può rappresentare una risposta sostenibile alle esigenze nutrizionali; rappresenta un’attività strategica anche per il suo basso impatto ambientale. Questo settore è candidato, quindi, a rispondere alle sempre maggiori esigenze nutrizionali del Pianeta, e per questo motivo rappresenta un’attività strategica per qualsiasi Paese.
Le attività di ApuliaKundi comprendono una continua ricerca di base per l’innovazione della conoscenza, lo sviluppo e il trasferimento tecnologico e di potenziamento della ricerca industriale, le metodologie, i servizi e gli approcci sistemici a supporto dei processi di innovazione delle imprese di definiti contesti territoriali.

Lo sforzo di ApuliaKundi è costantemente teso all’implementazione di un modello di produzione attraverso una gestione più responsabile delle risorse ambientali; è un tentativo per consegnare alle generazioni future un mondo quanto più possibile integro. Il processo produttivo dell’impianto di ApuliaKundi è a ciclo chiuso; coniugando tecnologia e progresso in modo naturale, è in sintonia e in equilibrio con la natura, non rilascia, cioè, emissioni che la natura non sia in grado di assorbire nel proprio ciclo vitale.

Coltivare Spirulina ha un basso impatto ambientale ed offre più nutrimento per unità agricola di terra di qualsiasi altro cibo; non causa inquinamento, né erosione del terreno, contaminazione di acqua o distruzione forestale, cresce senza pesticidi tossici ed erbicidi. Richiede molta meno acqua ed energia per kg di proteine di qualsiasi altro cibo, inclusa l’energia solare e quella generata; usa 1/3 dell’acqua impiegata dalla soia, 1/6 di quella del grano, 1/50 dell’acqua necessaria per le proteine del manzo.

La sostenibilità è legata alle nostre tavole e ciascuno di noi ha grande responsabilità per le scelte che compie come consumatore. Quello che mettiamo nei nostri piatti è il risultato di una catena di produzione con enormi ricadute sulla nostra salute, sull’economia e sull’ambiente stesso. Per tali ragioni è necessario un cambiamento nella cultura alimentare della popolazione mondiale che preveda diete più salutari e sostenibili per il pianeta.